Palermo, Europa. Il futuro passa dal Mediterraneo | Preview di Flm

PAGINE DAL FESTIVAL
25
Set

Palermo, Europa. Il futuro passa dal Mediterraneo | Preview di Flm

Un incontro da non perdere, preview del Festival delle Letterature Migranti, si svolgerà domenica 1 ottobre, alle 18.30, ai Cantieri Culturali della Zisa (Cinema De Seta) di Palermo. Yanis Varoufakis, insigne economista e politico greco, dialogherà con la città su tematiche legate all’Europa e alle politiche di accoglienza nei confronti delle persone migranti.
Palermo, per le sue specifiche caratteristiche di città multietnica e teatro di rilevanti sperimentazioni politiche e sociali, è stata scelta come unica tappa siciliana di un breve tour che vedrà Varoufakis in Italia per 4 giorni, passando dalla Fondazione Feltrinelli di Milano al Festival Internazionale di Ferrara. All’incontro saranno presenti Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, e Lorenzo Marsili, coautore con Varoufakis de “Il terzo spazio” (Laterza).
Tra gli ospiti, interverranno Andrea Cusumano, assessore alla Cultura di Palermo, Davide Camarrone, Direttore Artistico del Festival delle Letterature Migranti, Antonella Leto e Veramor. Previste anche delle testimonianze video di Noam Chomsky e Bifo.
L’incontro è organizzato da DiEM25, il neo movimento politico transeuropeo lanciato nel 2016, in collaborazione con il Festival delle Letterature Migranti. Tante le sfide che si lanceranno, sulle grandi questioni dei nostri tempi: dalle ineguaglianze sociali, alla scandalosa evasione fiscale delle multinazionali, dalle migrazioni al rilancio di un nuovo sistema produttivo ecologico e capace di piena occupazione.

Al termine dell’evento si terrà un dibattito aperto alle domande del pubblico. Già da lunedì 25 settembre sono previsti punti di raccolta per suggerimenti o domande presso il PYC di Palermo (via De Spuches e Villa Trabia), e al cinema De Seta a partire dal pomeriggio dell’1 ottobre. Sono invitati a partecipare e a portare il loro contributo tutte le realtà impegnate nel sociale in Sicilia e le comunità migranti.

Lascia una risposta